Stile Filippino Arnis Ricarte En Cruzada - Fimasd

Vai ai contenuti
Arti Marziali Filippine Indonesiane > Arnis Ricarte En Cruzada
Stile di Arti Marziali Filippine Arnis Ricarte En Crusada
L’ arte della scherma Filippina

Tecnica, Tattica, Strategia del Combattimento
.
arnis ricarte
arnis ricarteStile di Arnis specializzato nel Larga Mano, si pratica con bastone singolo da cm. 70/80, e spada y daga, ingloba i principi della scherma europea adattati alle proprie esigenze di combattente.  Basato su 12 principi/tecnici rendono lo stile pratico, adattabile ed efficace per tutti. I 12 principi/tecnici combinati tra loro, rendono lo stile davvero efficace e pericoloso.

Arnis Ricarte, è uno stile specializzato nel combattimento alla lunga/media distanza, si pratica con un bastone lungo circa cm. 75/80 (olisi, yantok, baston), con spada e daga e il combattimento a mani nude (mano mano, panantukan, sikaran, dumog, suntukan, cadena de mano) che fa riferimento ai principi studiati con le armi.
L’ Arnis Ricarte è uno stile compatto/chiuso con un addestramento diretto che va direttamente allo scopo, senza esercizi che girano intorno al sistema, costituito da 12 “metodi” principi/tecnici (combinazioni di principi, tecniche e strategie  mirate all’ offesa e alla difesa).

Arnis Ricarte è un’ arte marziale filippina che prende il nome dal Generale Artemio Ricarte detto la “Vipera”, patriota filippino membro di una società segreta chiamata “Katipunan”, condusse la rivoluzione con gruppo di ribelli contro l’occupazione Spagnola nel 1986.
Arnis Ricarte ha radici nella scherma europea e classica.
Tre metodi e tre scuole europee prese in esempio, sono la tedesca, francese e italiana.
Con il termine Cruzada (passare, attraversare), si intendono i colpi di taglio a passare, che è una specialità dell’ Arnis Ricarte.

Il sistema di scherma fu insegnato da un emigrato tedesco nell’ isola di Panay, per prima ad un ingegnere Haciendero, poi a Narcisio “Sisoy” Gyabros.
Gyabros divenne il maggiordomo del suo benefattore tedesco ed aggiunse al sistema i metodi di En Kruzada ed Aldabon.
Aldabon era un contemporaneo di Gyabros, ed era specializzato nelle tecniche di stoccata con Spada y Daga, fondendo gli stili “Frances” e “Italiana”, la sua tecnica era parare col pugnale e trafiggere contemporaneamente col bastone. Nel tardi 1950, Gyabros si trasferì a sud dell’isola di Negros, dove lui insegnò a dodici discepoli. I suoi discepoli di spicco erano: Amador Chavez, Generoso Samulde e Juan Lawan.

Amador Chavez, fu l’ unico degli allievi di Gyabros che imparò tutto il suo sistema, quando iniziò a partecipare alle competizioni, combatteva solo con i primi 3 metodi: Abbecedario, Spada e Daga e Baratikal, divenne talmente abile con l’ Arnis da essere denominato “Lansidor” farabutto, perché la sua strategia era basata sulle finte e gli inganni, e un particolare metodo di attacco che scorrendo col suo bastone su  quello avversario andava a colpire la mano, grazie a queste strategie non fu mai colpito ne alla mano, ne alla testa e di conseguenza non fu mai sconfitto.
Ron Harris (il Maestro con  cui la Fimasd sta studiando l’ Arnis Ricarte), iniziò a studiare con Amador Chavez nel 1989.
Chavez morì nel 1994 a Bacolod. La mentalità dell’Arnis Ricarte è quella di praticarlo come se combattessimo con una spada.


Stile Classico o moderno ?

Mentre gli artisti classici affermano che le loro tecniche hanno metodi d'allenamento provati dal tempo,' professionisti moderni sostengono che la loro versione conserva movimenti tradizionali ed allo stesso tempo risulta più divertente da apprendere. Chi ha ragione? Continuate a leggere. di Ron Harris, Mike Vasquez - Canna d'india bruciata, l'odore colma l'aria e si può sentire il rumoroso "clack-clack dei bastoni kali che colpiscono l'erba, mentre gli allievi del seminario scoprono un moderno approccio con l'arsenale delle arti marziali filippine.
Come nella scherma nel cortile della ricreazione dei bambini che vanno a scuola, gli studenti degli stili di arnis, danzano per il pavimento della loro palestra, imitano le favole di D'Artagnan e dei Tre Moschettieri. L'arnis è l'arte marziale delle Filippine, ma è anche chiamata bastati, estokada, e eskrima.
Comunque raramente, se non mai, si sente usare il termine Kali nelle Filippine, che è stato popolarizzato in Occidente da molti istruttori di alto livello.
Qualche volta si potrà sentire il termine eskrima che deriva dallo spagnolo " fare scaramuccia", ma più spesso si sentirà la parola arnis usata per riferimento ai motti stili di scherma filippini.
Una abbreviazione era " arnis de mano" o armatura della mano", il termine arnis originariamente proveniva dai Conquistadores spagnoli. Una leggenda afferma che gli spagnoli  notarono gli abili movimenti di mano eseguiti dai loro servi filippini mentre imbrigliavano i cavalli.
Questi movimenti fulminei erano micidiali tecniche di arti marziali travestite.
Un'altra leggenda sostiene che la parola arnis si riferisce all'armatura da combattimento usata dai soldati medioevali durante la battaglia, quando lottavano per il Cristianesimo.
Molti termini per le arti marziali filippine sono appropriati, altri no, in quanto la storia rimane confusa, ma resta ancora una distinta differenza tra i metodi classici e quelli Moderni.


La principale differenza tra l'arnis classico e gli stili moderni di amis, eskrima. e/o Kali, si può trovare nei loro rispettivi metodi di allenamento.
Nell'arnis classico, i contrattacchi per i colpi offensivi solitamente designano come bersaglio direttamente la mano o il braccio che attacca dell'avversario, colpendo ciò che qualcuno ha definito  "i denti del serpente".
Nell' arnis moderno, gli allievi vengono allenati a contrattaccare questi colpi offensivi percuotendo il bastone dell'avversario.
La giustificazione logica è che l'allenamento classico è troppo doloroso per i praticanti di amis, e scoraggia gli allievi dall'apprenderlo. Presubilmente, l'arnis moderno salvaguardia l'essenza delle tecniche classiche ed è anche più divertente da imparare.
Ma i difetti dei metodi di allenamento moderni è svelato dal principio del tempismo che è importante per tutte le arti marziali.
Se sei "disorientato" nel tuo contrattacco, sarai sempre sopraffatto.
Semplicemente perché se, per prima cosa, pari, devii o blocchi il bastone del tuo avversario e secondariamente lo colpisci in una zona vitale, hai ovviamente raneamente l'avversario, hai bisogno di un passaggio o di un movimento per terminare sia la difesa che l'offesa.
L'arnis classico usa frequentemente l'attacco "stop-hit" (colpo di bloccaggio), approfittando delle aperture nella difesa dell'avversario. L'iniziativa è presa dall'attaccante quando i vostri contrattacchi richiedono velocità e sorpresa per superare l'aggressione.
Questo viene mostrato nei metodi come il "Frances" o "l’Italiana".
Se gli stili moderni possono contenere queste idee, queste non sono parte della metodologia d'allenamento. In una situazione minacciosa per la vita potrai far uso di ciò che hai messo in pratica, non ciò che hai sognato. Le tecniche classiche dell'arnis hanno determinati metodi di allenamento provati dal tempo, sebbene oggi si assiste raramente all'arnis praticato in modo sione dei principi dell'amis è diminuita.
Noi (gli autori) sosteniamo che una maggiore comprensione dell'applicazione delle tecniche dell'arnis de mano, può essere ottenuta con l'approccio "classico".
Per questo presentiamo l'arnis classico per quei praticanti di arti marziali che sono interessati ad una più profonda comprensione delle arti marziali filippine.


I 12 discepoli

L' arnis classico era molto popolare negli anni '50, non solo nelle Filippine, ma anche nelle comunità filippine all'estero. Sull' isola di Negros, nelle Visayas Occidentali, uno dei luoghi più popolari per praticare le arti marziali filippine era il Bacolod Arnes Club.
Sebbene fu attivo solo per pochi anni, dal c'era il Granmaestro Narciso "Sisoy" Gyabros.
Sisoy proveniva da Lloilo ed aveva suoi "12 discepoli" che impararono i suoi 12 metodi di arnis, come molte delle arti marziali filippine, il suo arnis ebbe origine nell'isola triangolare a nord di Negros, chiamata Panay.
Quest' isola è il luogo dove i 12 "bomcan datus" approdarono e fondarono la Bothoan School di Kali. Non appena i campi di canna da zucchero furono abbandonati nel Nord, gli antichi malesi si spostarono verso Sud in direzione di Mao-ao, che è la più antica centrale per lo zucchero sull'isola di Negros.
Gli aborigeni, chiamati Negritos, arrivarono 'elle Filippine circa 25.000 anni fa, provenienti dal continente asiatico, viaggiando su in ponte di terra.
In seguito, maree di immigranti arrivarono per mare dall'Indocina, dalla Malesia, Indonesia dal 1.500 A.C. al 1.500 ) D.C. I malesi mandarono via i Negritos dalle pianure verso le montagne, così essi poterono piantare la canna da zucchero.
Nel Bacolod Arnes Club, che ora è la residenza del centro di arti marziali Vasquez, i 12 discepoli si radunavano per le loro riunioni di d’allenamento.
Il Granmaestro Gyabros arbitrava i combattimenti.
A volte essi invitavano altri club di arnis a partecipare, altre volte viaggiavano verso altre isole per prendere parte a competizioni. Esistevano 7 tipi di sparring.
Ciascuno di essi era fatale e la lotta era brutale perché non veniva permesso alcun tipo di equipaggiamento protettivo.
Iscriviti alla Newsletter
Torna ai contenuti | Torna al menu