Dumog-la lotta corpo a corpo delle arti marziali filippine - Fimasd

Vai ai contenuti
Arti Marziali Filippine Indonesiane > Arti Marziali Filippine-Kali Arnis Escrima > Kali Arnis Escrima > Settori Studio Kali Arnis Escrima
Dumog-Buno
Dumog-Buno-è il termine generale usato per descrivere l'arte marziale filippina della lotta corpo a corpo
 
 
Dumog è più comunemente usata in Mindanao e Visayas.
Buno è usata a Luzon, in particolare nelle province meridionali del Tagalog fino a Mindoro.

 
Gruppi tribali come Ifugao, Samal, Igorot, Ibanag, Manobo, Dumagat e Maranao si dice pratichino arti da presa conosciute rispettivamente come bultong, silaga, dama, garong, buteng, purgos e kapulubod; mentre gruppi etnici come Tagalog, Ilokano, Cebuano, Bicolano, Pampanga e Pangasinan, si dice pratichino arti da presa conosciute come gabbo, layung, lampugan, pantok, balsakan e dumog.
 
 
Ci sono tre principali forme di Dumog:
 
Agaw Patid Buno, la più comune forma conosciuta di Dumog. Consiste in prese da in piedi e lotta, utilizzando tecniche di sbilanciamento, proiezioni e torsioni del collo per costringere l'avversario a terra.
 
Tradizionalmente gli opponenti si affrontano stringendo una cintura o stringendosi a vicenda alla vita nel tentativo di proiettare e sbilanciare l'altro. La vittoria viene dichiarata quando la spalla di uno dei contendenti tocca il terreno.

 
Musang Dumog è un'arte di lotta a terra, utilizza chiavi articolari, strangolamenti e percosse per sottomettere l'avversario al suolo. Entrambi i sistemi possono essere combinati o imparati indipendentemente. Le origini di questi stili sono a malapena abbozzate, comunque sono ancora relativamente abbondanti nelle zone più settentrionali delle Filippine.
 
 
L'arte del grappling filippino include una serie di prese, note come trankadas, strangolamenti, proiezioni, sgambetti, spazzate e vincoli che si miscelano e scorrono naturalmente dai metodi di boxe a mano nuda e calci, applicati con o senza armi.
 
Il Dumog è stato concepito primariamente per far cadere l'avversario in modo da causare il massimo danno a giunture, legamenti e tendini a cui segue una feroce raffica di colpi designati a distrarre l'avversario per dare priorità a un attacco, una leva o uno strangolamento.
 
La tecnica, in questo caso, è la comprensione dei punti di controllo o dei punti di strozzatura.
Un punto di strozzatura è un termine militare che significa "area di controllo".
 
Ad esempio, se cinque affluenti d'acqua si nutrono da un fiume principale, ne consegue che chiunque controlli il fiume, controlla gli affluenti.
 
Ciò rende il fiume il punto di controllo.
 
Quando soffochi il fiume, soffochi gli affluenti.
 
 
Questi punti, che sono afferrati, spinti o tirati, sono usati per mettere l'avversario fuori equilibrio, facendo andare il corpo fuori controllo in un vorticoso effetto spirale.
 
Lo studente che ha sviluppato l'abilità per sapere dove si trovano i punti di strozzatura può facilmente lanciare un avversario di 275 libbre (125 Kg c/a, NdT), nonostante uno svantaggio che potrebbe avvicinarsi a 150 libbre (68 Kg c/a NdT).
 
Abbiamo preso in prestito questa terminologia per illustrare l'importanza del controllo.

Dumog Layog, e un sistema di Dumog sporco senza regole, che iclude tutta una serie di colpi, pizzichi, strappi della pelle, spallate e altre cose sporche che non si possono usare in un confronto diciamo sportivo. Ma, essenzialmente in un approccio alla difesa personale e combattimento reale.
Questo sistema di dumog, la Fimasd lo ha imparato dalle esperienze nell'Arnis koredas Obra mano e nell'Arnis Ricarte.

 
Ora, diamo un'occhiata ad alcuni esempi con cui possiamo sperimentare.
 
 
La Spinta al Bicipite
 
Con entrambe le mani, un avversario afferra l'altro dai bicipiti, ruotando verso la parte anteriore del corpo. Spingere i bicipiti direttamente nell'orecchio e quindi camminare o correre in avanti. A causa della torsione del corpo, l'avversario che riceve la spinta deve camminare in diagonale, causando così un grave squilibrio. La spinta del bicipite è usata per muovere un avversario o, come in questo caso, per inchiodarlo contro un ostacolo ambientale (muro / recinzione). L'avversario è ora esposto per un'attacco diginocchio sulla coscia destra. Ricorda, come con l'uso di qualsiasi tecnica, nulla è infallibile. Presto, l'avversario riacquisterà l'equilibrio e a quel punto il tiro del bicipite potrà essere implementato.
 
 
La tirata del bicipite
 
La presa del tiro è identica a quella della spinta. La chiave di questa tecnica è nei tempi e nella sensibilità. Devi percepire, o prevedere, il momento in cui il tuo avversario pianterà il suo piede per recuperare l'equilibrio perso durante la spinta del bicipite. A questo punto, l'energia dell'avversario si sposterà e verrà verso di te. Devi rispondere, non combattendo la sua energia, ma tirandola. In effetti, stai usando l'energia del tuo avversario a tuo vantaggio
 
La tirata di bicipite e la spinta del bicipite sono tra le tecniche più usate in cooperazione tra loro. L'una può iniziare o finire una sequenza, a seconda dell'energia fornita dall'avversario.
 
 
La torsione della testa
 
Un'altra tecnica molto semplice usata in Dumog è la torsione della testa. Qui, uno dei lottatori posiziona entrambe le mani sull'altro sulle orecchie (simile al metodo utilizzato per afferrare il volante di un'auto). Afferrare i capelli dell'avversario invece delle orecchie è una tecnica che può essere utilizzata, con un rapido movimento, ruotare la testa lateralmente, fare un passo indietro e rovesciare la testa capovolta, tirandola all'indietro. Mentre l'avversario riacquista equilibrio, ruota semplicemente la testa nella direzione opposta e ripeti il processo.
 
La rotazione della testa può essere una tecnica molto efficace perché, con questo movimento, stai contorcendo il midollo spinale e causando un disturbo all'equilibrio del tuo avversario. Nello sport di Dumog, la tecnica corretta e il calcolo del processo sono fondamentali per la vittoria. Quando queste stesse tecniche sono utilizzate in un combattimento di strada realistico, altri elementi devono essere incorporati per produrre la massima devastazione.
 
 
Nella maggior parte dei casi, la "chiara e semplice" raffinatezza e precisione in una bassa e sporca lotta di strada è, a dir poco, una barzelletta. Il combattimento di strada è ingannevole. Assume molte forme, caratteristiche e condizioni. Ad esempio, una lotta di strada può avvenire in caso di pioggia o neve; può accadere su una superficie piana o collinosa o anche su una scala. Tale lotta può facilmente coinvolgere più attaccanti o armi.
 
 
È sempre il principio di Dumog che, in caso di incontro, se si tratta di una sfida di combattimento, il nemico deve essere completamente paralizzato o reso incapace di continuare. C'è una totale determinazione a vincere quando un altro Dumoguero richiede una sfida. Segue le pratiche culturali del primo antenato sulla base della filosofia di Kali: "Bisogna credere nella vita non nella morte, bisogna credere nel successo, non nel fallimento, bisogna credere nella buona salute, non nella malattia".
 
 
Poiché le Filippine erano uno dei maggiori arcipelaghi del Continente Indonesiano che un tempo appartenevano all'impero Sri-Vijaya e all'impero Majapahit, la presenza degli elementi tecnici relativi alle arti di combattimento era notevole. Ad esempio in Indonesia, uno degli stili di Silat si chiama Menang Kabaw. Si tratta di una via di mezzo tra un silat per il combattimento basso e un silat di lotta a terra con lo scopo di correre verso il nemico usando la testa e tutto il corpo per distruggere l'avversario spingendolo contro un solido muro o radice di un albero finché non crolla e cade a terra.
 
 
Tecniche di Dumog
 
 
Le tecniche Dumog sono simili a Menang kabaw. In realtà, la parola Kabaw è un termine Ilonggo, che significa Carabao o in breve Kabaw. Ci sono tecniche interconnesse in ogni arte che parlano della continuità dell'arte con relazioni con Filippine, Indonesia, Malesia, Thailandia e Madagascar.
 
 
Pangamut (Mani / incastro / Contropresa)
 
 
Hubad-hubad Pasugat - Contromossa, Sblocco e Contrattacco
 
 
Uyat sa Li-og (Presa al collo)
 
La presa al collo può essere fatta sia con la sinistra sia con la mano destra. Questo movimento viene eseguito quando vi è un'apertura da parte dell'avversario durante il posizionamento sia come esca che come entrata effettiva.
 
 
Uyat sa Abaga (Presa alla spalla)
 
La spalla viene presa dalla stretta del collo, la mano scivola sulla zona della spalla in preparazione per inserire la mano sulla schiena e giù verso l'ascella.
 
 
Dungan / Kapot sa Li-og (Tenere insieme)
 
Entrambe le mani sono posizionate sopra l'area del collo e entrambe le mani sono portate a una spalla per controllare l'equilibrio.
 
 
Singa Sag-ang (schiocco del mento)
 
O la mano destra o sinistra tiene il mento in rapido movimento applicato come un movimento a scatto per sbilanciare l'avversario.
 
 
Tulod sa Dug-han (Spingendo il petto)
 
Entrambe le mani scivolano sul petto dalla zona del collo o della spalla, poi con un movimento improvviso si applica la spinta forte al petto con un movimento di trascinamento continuo fino a che l'avversario non viene portato in un angolo o in un'altra parte in modo che non possa muoversi.
 
 
Uyat sa Butkon (Tieni l'avambraccio)
 
Per tenere l'avambraccio con la mano destra o sinistra in preparazione del lancio della leva del braccio.
 
 
Uyat sa Bati-is (Afferrare la parte inferiore della gamba)
 
Questo è applicato nel caso in cui l'avversario è fuori tempo, i tempi devono essere precisi durante il tempo di esecuzione. Questa è la parte più difficile durante il Dumog.
 
 
Terminologia del Dumog
 
 
Kamrus: per graffiare il viso, la pelle
Gusnit - per seccare la pelle, rimuovere i capelli
Puwakon - artiglia la gola, rimuovendo l'esofago
Pungkoy - Colpo vigoroso alla parte posteriore della testa
Hulbot: tira la testa o tira i capelli
Waslik: tirare e lanciare
Kumus: per distruggere l'area del viso
Lukit - per infilare il dito nell'orbita dell'occhio e togliere gli occhi
Kagat: mordere la pelle delle dita, del naso e delle orecchie
Guba - per tirare col gomito sulla zona del torace e rompere lo sterno
Itlogan: per afferrare e spremere le palle (inguine)
Pungol - per tenere la testa, rompere il collo rimuoverlo dal corpo



Iscriviti alla Newsletter
Torna ai contenuti