Armi Arnis Ricarte En Cruzada - Fimasd

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arti Marziali Filippine Indonesiane > Arnis Ricarte En Cruzada
Le Armi dell' Arnis Ricarte En Crusada
Le armi Arnis

Nell'Arnis Ricarte en Cruzada, ci sono tre categorie di armi : bastone singolo, bastone doppio, e la espada y daga (spada e daga).
Ogni categoria usa armi di legno per l'allenamento, ma anche un'applicazione combattiva per armi con lame.
A volte, viene insegnato subito l'uso delle armi da taglio, ma solo agli allievi fidati con capacità avanzate. La maggior parte degli istruttori possiede l'abilità nell'uso di coltelli, delle lance e nelle tecniche a mani nude.
Ma l'apprendimento avanzato di queste armi e metodi è riservato ai loro studenti e istruttori più speciali.

Il bastone singolo

Il bastone singolo, o bolo rientra nella categoria delle armi arnis del "solo baston". Spesso si usava del bastone di canna leggero per gli allenamenti, mentre il bastone di legno duro era riservato per il combattimento.
Durante il periodo coloniale spagnolo, le armi con le lame erano proibite, ma venivano provocatoriamente portate da alcuni filippini, specialmente quelli di Mindanao.
Tra i famosi legni duri usati per fabbricare le armi ci sono il legno/ferro (ironwood) e il Kamagong.
Comunque, armi di qualità superiore venivano costruite con il legno di guava e dal kaiamunding, a causa dell'estensione della fibra elastica del legno.
Solitamente l’abecedario o le 12 tecniche fondamentali dell'arnis vengono insegnati inizialmente, mentre le tecniche con il pugnale vengono presentate successivamente.
Quando l'arma è tenuta nella mano destra, la mano sinistra è "viva" con movimenti che servono a coordinare la difesa e aprire la strada per l'offensiva.
L'allenamento del bastone singolo è utile per insegnare la presa corretta ed i bersagli fondamentali per le tecniche arnis, ma non serve nello sviluppare la mano "libera" al suo più alto potenziale.
Da qui la necessità di un regime di allenamento equilibrato, che sia il doppio bastone o la espada y daga.

Il doppio bastone

Nella tecnica del doppio bastone vengono usati due bastoni o spade di uguale lunghezza, una per ogni mano. Nel "sinawali" essi possono essere simmetrici o asimmetrici, sebbene quest’ultimi solitamente denotino un alto livello di sofisticazione. Inoltre, questi modelli possono essere sincronizzati o avere un ritmo spezzato, fluido o possono essere staccati nel momento dell'attacco, l modelli simmetrici sono utili per coordinare un veloce sbarramento contro l'
avversario, ma possono essere respinti più facilmente perché sono più prevedibili. Quando gli attacchi con il bastone doppio seguono un esercizio asimmetrico più difficile difendersi, perché sono meno ovvi da seguire. Comunque, una parte del corpo solitamente è più vulnerabile rispetto ad un' altra, da contrattaccare, dal momento che è anche meno coordinata. Un vantaggio dell'allenamento con il doppio bastone è quello di sviluppare egualmente entrambe le mani nell'uso di varie anni.

Espada y daga

Espada y daga, o "spada e pugnale", è il più alto livello di sofisticazione dell'arnis classico.
Chiamato a volte "lungo e corto", a causa delle relative lunghezze di ciascun arma, l'allenamento con espada y daga insegna il coordinamento di entrambe le mani, ma riconosce la naturale predominanza di una parte nella maggior parte dei praticanti. Tutto ciò che si può fare sia con il bastone singolo sia con il bastone doppio ha il suo analogo nell'espada y daga. Per questo motivo , molti istruttori superano il primo ed il secondo livello dell'allenamento ed iniziano immediatamente con il terzo livello, che è l' espada y daga.
Dopodiché, i praticanti arnis seri, svilupperanno le tecniche di bastone singolo o quelle di bastone doppio come base, modello e guida nel loro allenamento.

Tecniche a mani nude
Nelle arti marziali filippine le tecniche a mano nude per il disarmo vengono sempre rese note.
Questo perché l'arnis classico è principalmente un'arte marziale con le armi.
Le tecniche a mani nude sono considerate secondarie. Solitamente, se si viene disarmati, il combattimento è pressoché finito.
Naturalmente si ricorrerà all'uso delle mani nude per sopravvivere. Similarmente, se si disarma il proprio avversario, anch'egli userà le tecniche a mani nude per continuare il confronto. Nell'arnis classico, le tecniche a mani nude sono un'estensione dei concetti di combattimento che regolano le armi, con taglio o no. Le tecniche arnis a mani nude seguono i principi inclusi nelle tecniche con il coltello. Dal momento che il coltello è un' arma più corta del bastone, gli attacchi di coltello sono più semplici da simulare che i colpi con il bastone usando una lama. Le tecniche taglienti, perforanti degli attacchi con il coltello hanno la loro controparte nelle sequenze a mani nude. Similmente, le tecniche di parata, di controllo e bloccaggio usate per respingere gli attacchi con il coltello o con il bastone possono essere applicate nel confronto con un avversario armato che disarmato.
Amador Chavez combina il suo dumog, con le tecniche a mani nude, per una difesa completa.
Queste sequenze a mani nude vengono eseguiti con un coltello affilato o con un bastone.
Il dumog di Tiyo Mading (il soprannome di Chavez, che significa: zio Mading), include pugni, calci, ginocchiate, gomitate, colpo con la testa, leve fondamentalmente tutto ciò che si ha a disposizione. L' interesse zelante di Chavez nell'acquisire la dottrina delle arti marziali è già stato pagato con molte situazioni pericolose per la propria vita. Tiyo Mading è caduto due volte in un imboscata organizzata da istruttori gelosi che cercavano di ucciderlo perchè si era rifiutato di insegnare le proprie tecniche arnis. Durante uno scontro, Amador Chavez venne attaccato in un luogo pubblico da due uomini, mentre era disarmato. Uno di essi lo attaccò da dietro, armato di talibong, o spada negrense, mentre l'altro, armato di un bastone kamagong, si avvicinò a lui di fronte. Chavez disarmò immediatamente e colpì l'attaccante che si trovava davanti, tenendo il bastone. Girandosi aprì il cranio del secondo con la spada.
Iscriviti alla Newsletter
Torna ai contenuti | Torna al menu